Fonte Aretusa

In una delle parti più belle di Ortigia, uno specchio d’ acqua all’interno dell’ambiente cittadino. La mitologia greca racconta che il dio Alfeo, figlio di Oceano, si innamorò di una ragazza, Aretusa, vedendola fare il bagno nuda. La giovane, scappando dalle intenzioni del dio, si rifugio nell’isola di Ortigia e chiese aiuto ad Artemide che, per proteggerla, la trasformò in una fonte.

Necropoli Grotticelle e Tomba di Archimede

Grotta di origine calcarea dove leggenda vuole sia stato seppellito Archimede. Archimede è considerato uno dei più grandi scienziati della storia. Vissuto a Siracusa nel 200 A.C.. Ha lasciato diversi contributi alla scienza in ambito geometrico, matematico, ottico, meccanico. Fece diverse scoperte tra le quali: la leva, le leggi sul galleggiamento, la vite di archimede e molto altro.

Fontana di Orione

Stupendo monumento del XVI secolo. Realizzata dello scultore Giovanni Angelo Montorsoli ( 1507-1563 ), uno dei più noti allievi di MIchelangelo, per commemorare la realizzazione del primo acquedotto della città di Messina. Quando la fontana venne ultimata, per farvi posto, fu abbattuta l’ antica chiesa medievale di San Lorenzo. La fontana è dedicata ad Orione, il gigante che secondo la tradizione fondò Messina.

Chiesa di San Giovanni di Malta

La chiesa che oggi vediamo risale al XVI sec., ma della della struttura originaria è rimasta solo una parte. In realtà la prima costruzione della Chiesa di San Giovanni di Malta può essere fatta risalire al VI secolo. Nei vari secoli la struttura resistette ai disastri naturali, soprattutto i terremoti, che colpirono l’isola siciliana. Fu, appunto, completamente ricostruita nel 1588, dopo diversi secoli e diversi altri sismi, nonostante la struttura abbia retto, è rimasto poco di quella che probabilmente era uno dei monumenti più rappresentativi di quel periodo.