Punta Secca, la terra di Montalbano

“A Sicca” o Punta Secca è una piccola frazione balneare di Santa Croce Camerina. Il centro abitato si affaccia su una costa rocciosa a picco sul mar Mediterraneo. I suoi paesaggi sono romantici e suggestivi, le acque cristalline rendono questo luogo il fiore all’occhiello della provincia ragusana.

Il porto fu ambito sin da epoche antiche: Bizantini, Arabi e Normanni si contesero la piccola località marinara che basava la propria economia sul pescato e sul commercio.

Meta balneare per eccellenza, ha suggellato la sua bellezza naturalistica con la costruzione del faro borbonico nel 1857. Alto più di 35 metri la sua luce irradia le coste fino a Gela e Cava D’Aliga.

La sua recente fama è stata accreditata dalle registrazioni delle serie televisive “Il commissario Montalbano” e “Il giovane Montalbano”. Proprio qui, Salvo Montalbano, personaggio principale degli scritti di Andrea Camilleri, vive in una casa con terrazzo che si affaccia sul Mediterraneo. La villa sul mare, in realtà, in passato fu un vecchio laboratorio utilizzato per la dissalazione delle sarde. In seguito, divenne la residenza estiva della famiglia Diquattro e il luogo prediletto di celebri scrittori come Sciascia, Bufalino e Camilleri. Attualmente, la fama donata dalle registrazioni televisive, ha reso l’umile dimora una meta turistica che, in occasione di ciò, si è tramutata in un Bed and Breakfast.

Il mare, il faro, l’importanza letteraria e televisiva donano un’atmosfera eterea al luogo. Una passeggiata in questo borgo permetterà al visitatore di valicare il sottile confine tra realtà ed immaginario, catapultandosi nei luoghi descritti con realismo dalla penna del maestro Camilleri.

Martina Spampinato

Leave a Comment