Marsala: terra delle saline e dei tramonti più belli d’Italia.

La Sicilia Occidentale porta il vessillo dei paesaggi più rari che possano esistere nell’intero territorio. La bellezza e l’unicità del suo ambiente è adatta a chi ama confondersi con la natura, per provare sensazioni primitive ed inebrianti.

SicilianMagpie vi porterà a Marsala per scoprire la storia delle sue Saline.

Lo “stagnone di Marsala”

A pochi chilometri di distanza dal centro abitato di Marsala, terra produttrice di uno dei liquori più conosciuti in Italia, si erge una riserva naturalistica inglobata fra le quattro isole di Mozia, Isola Grande, Schola e Santa Maria. Al suo interno il mare disegna una grande laguna o “Stagnone” caratterizzata da acque basse e dalle temperature al di sopra del normale.

Il territorio, che basava la propria economia su pesca e commercio, fin da epoche antiche, venne sfruttato per la produzione di sale. Proprio nel XV secolo, per volere degli Spagnoli presenti nella regione, vennero costruiti dei mulini per il pompaggio dell’acqua e la macinazione del sale.

Ancora oggi grandi produttori di sale, come l’azienda Sosalt, operano nella zona rendendola unica nel settore.

Lo Stagnone di Marsala, però, si contraddistingue per il suo paesaggio stupefacente, a tratti etereo. Una piacevole passeggiata al tramonto può trasformarsi in una vera e propria esperienza sensoriale. I colori sono gli elementi principali che inebriano lo sguardo del visitatore: il luminoso bianco dei cumuli di sale si mescola al rosso delle acque che riflettono i raggi del sole che ormai sta per lasciar spazio alla sera. Per questo motivo, i suoi tramonti vengono considerati fra gli spettacoli naturali più suggestivi che esistano.

In onore di Expo2015, le saline di Marsala vennero dichiarate paesaggio più bello d’Italia. L’unicità della sua natura, quindi, rende questo territorio una tappa fondamentale per chi è interessato alla bellezza primordiale della Sicilia.

Martina Spampinato

Il “Grande Cretto”: l’opera di Burri a Gibellina

Gibellina è un piccolo paesino in provincia di Trapani il cui centro abitato sorge in una zona limitata chiamata “Gibellina Nuova”, ricostruita totalmente dopo il terremoto del belice del 1968 che rase al suolo l’intera cittadina.

Nella zona “vecchia”, attualmente inabitata, si erge una delle opere di land art più grandi al mondo: il “Grande Cretto” o “Cretto di Gibellina” ad opera dell’artista contemporaneo Alberto Burri.

Ma, prima di narrare questa fantastica storia di recupero ambientale, cerchiamo di rendere chiari alcuni concetti: che cos’è un “cretto”?

Burri si avvicina a questa tendenza artistica negli anni ’70 con l’intento di mostrare come la mano dell’artista sia un accessorio messo in secondo piano di fronte al fatalismo e al processo del tempo che modifica irrimediabilmente l’opera rendendola unica nel suo genere.

Egli, infatti, mescola prodotti come cellotex, terre bianche, colla e polveri colorate lasciando che gli agenti esterni modifichino gli impasti. Questi, successivamente, prenderanno forme particolari, simulando i terreni aridi e incolti. L’arte diventa, allora, un processo naturale, una proiezione di ciò che quotidianamente accade e che l’occhio distratto dell’uomo non nota.

Gibellina si pone alla base di questo messaggio di sensibilizzazione: le macerie compattate e riutilizzate nel “Grande Cretto” sono la metafora di una natura sconquassata, distrutta e rimasta arida ma che, comunque, può diventare simbolo di rinascita.

Il gigantesco monumento in onore della “vecchia Gibellina”, viene promosso dal sindaco Ludovico Corrao con l’intento di ricercare un riscatto post sisma che potesse ridare lustro e bellezza al territorio. Burri si recò in Sicilia di sua sponte, finanziandosi da solo il viaggio e il progetto. I lavori cominciano nel 1984 e si prolungano fino al 1989 (anche se si stima che alcuni lavori di completamento siano stati ultimati nel 2015 in onore del centenario della nascita di Burri).

Attualmente l’opera appare come una serie di fratture su un terreno cementificato, simbolo del congelamento della memoria storica e, in particolare, delle tristi vicende del terremoto del belice.

La superficie di oltre 80000 metri quadrati comprende numerose fenditure larghe dai due ai tre metri, mentre i blocchi sono alti circa un metro e sessanta.

Il percorso artistico è raggiungibile percorrendo la Strada statale 119 di Gibellina nel tratto che interseca la riserva naturale integrale Grotta di Santa Ninfa, oppure venendo dall’Autostrada A29 in direzione Mazara del Vallo.

In una vecchia chiesa, rimasta indenne dal terremoto, nel 2019, l’amministrazione comunale, guidata da Giovanni Sutera, ha promosso, con la guida dell’assessore alla cultura Tanino Bonifacio, la nascita del “Museo del Grande Cretto” in cui si rievocano le vicende e la storia della costruzione dell’opera di land art più grande al mondo.

Suggestiva resta questa storia nella memoria della Sicilia, terra mai abbattuta dalle intemperie, ma rinata plurime volte al massimo della sua bellezza. Il Cretto, infatti, è simbolo di rinascita e, citando le parole dell’assessore Bonifacio, “è un luogo di narrazione e conoscenza dove c’era vita, oggi c’è conservazione di memoria: prima era tabernacolo di morte, oggi sacrario che genera vita”.

Martina Spampinato

Riserva dello Zingaro

Stupenda riserva naturale che si trova lungo la costa nel comune di Castellammare del Golfo nella provincia di Trapani. La particolarità di questo luogo è proprio quella di essere uno dei pochi, se non l’unico, tratto di costa sicula completamente libero dall’influenza dell’uomo. Questo piccolo ma importante fattore fa, della Riserva dello Zingaro, uno dei posti sicuramente da visitare dagli amanti della natura che vengono in vacanza in Sicilia.

Erice

E’ un luogo ricco di storia e tradizioni. Le sue origini risalgono alla preistoria, quando la mitologia greca dice che i Troiani, fuggendo dalla distruzione della loro città, approdarono in Sicilia e fondarono Erice appunto, dando vita alla popolazione chiamata Elimi. La tradizione mitologica greca cita ancora questo luogo in un viaggio di Ulisse e ancora prima in una delle gesta di Ercole. Per lungo tempo uno dei pochi avamposti di Cartagine nella Sicila, è oggi una delle mete consigliate per tutti i turisti che visitano l’isola.